Macchine utensili, export verso 100 miliardi

meccanica

Tra i mercati emergenti, Emirati Arabi, India e Messico

Il gruppo assicurativo SACE ha condotto un’indagine sulla meccanica strumentale, interpellando 200 aziende italiane. Emerge un quadro ottimistico, con l’export 2014 pari a 82 miliardi di euro e il potenziale per raggiungere i 100 miliardi di euro nel 2019.

Il settore dei macchinari è la prima voce dell’export italiano (da solo vale il 20%). In alcuni settori i nostri costruttori sono tra i più apprezzati al mondo, in particolare nel packaging, nelle macchine utensili e nelle lavorazioni di plastica e gomma. Si tratta di imprese con mediamente 19 dipendenti, contro i 66 delle fabbriche tedesche, i cui punti di forza sono la personalizzazione del prodotto, l’elevato contenuto tecnologico e la fidelizzazione dei clienti.

I mercati principali sono Stati Uniti, Spagna, Polonia e Paesi Bassi che nel 2014 hanno importato da soli un quarto dei macchinari italiani. I paesi da tenere d’occhio, invece, sono Emirati Arabi Uniti, Bangladesh, India, Messico e Repubblica Ceca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.